Baraka men sakate: basta silenzio!

"Shabab al-Hifaq", giovani del quartiere Al-Wifaq manifestano a Casablanca, 2011

“Questo popolo, che soffre in silenzio e striscia per le strade, ne ha abbastanza di girare a vuoto; / e LUI cosa fa? riunisce il suo consiglio per accomodare la costituzione! c’è da diventare matti! Vogliono che prendiamo le armi, per strappare i nostri diritti? Sono io che devo scegliere chi voglio sacralizzare! / E se ci vuoi capire, vieni a vivere con noi: dio, patria, LIBERTÀ!”. Anche solo quest’ultima frase avrebbe potuto significare l’arresto per Mouade Boulghade (24 anni), rapper marocchino del quartiere Al-Wifaq di Casablanca conosciuto come “Lhaqed” (L7a9ed), l’indignato, in prigione da settembre. Ha modificato l’ultima frase dell’inno nazionale, sostituendo “libertà” a “il re”: un attacco simbolico che per il Makhzen – il sistema di potere assoluto che da quattro secoli regna sul Marocco – è più intollerabile di tutte le manifestazioni del Movimento 20 febbraio.

  • La musica di L7a9ed [link a myspace] :: Riassunto del caso su larbi.org [link] (in francese) :: Articolo recente su Jadaliyya [link] (in inglese) :: Articolo di Muhammad al Khodayri su Al Akhbar (in inglese) :: Articolo di Karim Boukhari, su Tel Quel (in francese) :: Videointerviste sul movimento marocchino, di cui una su L7a9ed (“arteTV”) :: Web di solidarietà per L7a9ed [mail: freemouad@gmail.com]
  • Mohammed TOZY (2006) “La complejidad cultural de Marruecos”. Intervista all’antropologo Mohammed Tozy, di Maria-Àngels ROQUE. Quaderns de la Mediterrànea n.6, p.105-110 [PDF]
  • Lahouari ADDI, “Islam re-observed. Sanctity, salafism and islamism” [link]
  • Juan GOYTISOLO, “Dalla primavera all’autunno arabo”, reportage su El País (in spagnolo) [link]
  • Mouad L7a9d è stato liberato il 12/1/2012 dopo quattro mesi di arresto [eng][fra]

Questo post è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Catalano