Il massacro di Pinheirinho

Resistenza a Pinherinho (Sao Paulo, Brasile)

La mattina del 22 gennaio 2012, 2000 agenti della polizia militare – con elicotteri, carri armati, cavalli, lacrimogeni – cominciarono lo sgombero della favela di Pinheirinho, a Sao Paulo (Brasil). Quasi 10.000 persone vivevano lì da 8 anni, ed avevano appena regolarizzato la loro situazione abitativa; l’operazione è stata promossa da un’impresa il cui propietario aveva dovuto abbandonare il paese per crimini fiscali nel 1990, e che vuole speculare sul terreno tenendolo vuoto. In preparazione alla Coppa del Mondo 2014 e delle Olimpiadi del 2016, circa 170.000 persone in tutto il Brasile sono minacciate di sgombero. Gli abitanti di Pinheirinho resistettero duramente, e lo sgombero provocò almeno 7 morti, e decine di feriti ed arrestati. Agli sfollati – ora ammassati in chiese o palestre – si offriranno case popolari; ma “coloro che si occupano di costruire case popolari sono parte della stessa élite sanguinaria, bugiarda e piena di pregiudizi che i governanti…

Questo post è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Catalano