Le periferie di Reclús

Imagen de libcom.org

Secondo il geografo anarchico Elisée Reclús (1830-1905), le periferie delle grandi città non erano luoghi di esclusione in cui erano confinati coloro che non potevano permettersi di vivere in centro; erano invece proprio i margini, i suburbi, i luoghi ideali per creare forme di vita più vicine alla natura, senza perdere la relazione con il fermento della città (Reclús aveva partecipato alla Comune di Parigi), ma senza soffrire la densità estrema e malata della metropoli. Reclús passò l’ultima metà della sua vita adulta in periferia, rivendicando le ultime frange urbane come gli spazi che rompono la dicotomia tra natura e città – uno dei problemi centrali per i geografi e gli urbanisti della sua epoca, specialmente ecologisti ed anarchici (Patrick Geddes, Lewis Mumford y, en Catalunya, Cebrià de Montoliu). Altre informazioni su R.A.forum, su libcom, su recollectionbooks.

  • José Luís OYÓN (2012) Le case di Reclús. Verso la fusione natura-città. Di prossima pubblicazione su Scripta Nova [PDF in spagnolo] .
  • Intervista a José Luís Oyón su Reclús e il nomadismo [su youtube], di produccionesnomades.
  • “Evolución, revolución y anarquismo” [PDF] e “El arroyo” di Elisée Reclús [PDF in spagnolo]
  • Eduard MASJUAN La ecología humana en el anarquismo ibérico. Urbanismo “orgánico” y ecológico, neomalthusianismo y naturismo social. Si può consultare qui.

Questo post è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Catalano