Una città morta

Come in un gioco di scatole cinesi, in questo documentario non solo si mostra magistralmente la corruzione istituzionale e politica sulla quale si basa la montatura orchestrata dalla polizia e chiamata ‘4F’, iniziato il 4 febbraio 2006 nella calle Sant Pere Més Baix di Barcelona, ma la comprensione dell’orrore si estende in circoli concentrici sempre più ampi, dalla polizia, alla magistratura, alla stampa, ai servizi sociali, al comune, alla violenza urbanistica, in breve, al potere in sé. Come prima De Nens di Joaquim Jordà (2003), ora Ciutat Morta ci guida, a partire da una storia particolare, verso una comprensione profonda e raccapricciante del generale, della società, della città. In memoria di Patricia Heras, poetessa morta.

Questo post è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Catalano