La Mina: una miniera d’oro

La statua di Camarón de la Isla, nella piazza tra gli edifici Venere e Marte

“Guardate La Mina come cambia, si legge su un cartello dalla Ronda Litoral, superando dall’autostrada gli enormi edifici del quartiere della Mina de Barcellona. Qui negli anni ’60 son stati alloggiati gli abitanti del Campo de la Bota, quartiere a gran maggioranza gitano, per ripulire la zona della costa che oggi è il “Forum”. Francisco Franco in persona inaugurò il nuovo quartiere, la cui scala ancora oggi fa impressione; figuriamoci mezzo secolo fa, agli occhi degli abitanti delle baracche del litorale. Nell’occasione del Forum delle Culture 2004, la Mina ha ricevuto un altro “piano integrale”, opera del Consorcio de La Mina: dopo vari anni di inutili trattative con il Consorzio, la Piattaforma di associazioni ed abitanti della Mina ha deciso di opporsi direttamente al progetto, e ci ha chiesto un inchiesta sulle opinioni degli abitanti del quartiere rispetto alla trasformazione del loro quartiere. Questo lavoro è stato presentato insieme alle alegaciones fatte dalla Piattaforma contro il piano integrale. Una cosa è come si vede cambiare la Mina da una macchina in corsa sulla Ronda Litoral, un’altra è vederla con gli occhi dei suoi abitanti, dalle piazze in mezzo ai palazzi. Si vede la parte posteriore del cartello.

Francisco Franco approva il progetto di costruzione del quartiere.

Questo post è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Catalano